Come sedurre un’etichetta discografica

Che tu sia un cantante solista con un progetto acustico o un metallaro con un album indemoniato, il quesito è sempre lo stesso: come trovo un’etichetta che creda me?

Ogni giorno, nel mondo, un gruppo musicale esulta per aver finito di registrare il suo primo EP, mentre un altro gruppo si deprime per l’apparente decisione del mondo discografico di chiudergli tutte le porte in faccia senza nemmeno una mail di notifica.

Già, perché ormai è difficile pure farsi rispondere a una mail. Uno passa anni a studiare uno strumento, a selezionare gli elementi con cui costruire un progetto, a discutere su accordi, battute, parti vocali, a creare musica inedita e a cercare date nei locali fin quando, alla fine, nessuno ti risponde alle mail.

Ma è possibile racchiudere tutte le ambizioni di una vita in una mail?

Ultimamente ci ha chiesto un’opinione a riguardo un’artista che, sfornato il suo primo EP autoprodotto, voleva un consiglio su come presentarsi a quell’etichetta inglese tanto ambita dai musicisti del suo genere. Il nostro consiglio finale, studiata la situazione, è stato quello di recarsi alla sede della società  (a Londra) e fermare sfrontatamente un membro del team per infilargli il disco tra i denti. Di certo cosi avrebbe lasciato un segno nella sua memoria (e nella dentiera). Un metodo abbastanza old school, ma col suo fascino.

La verità è che non esiste un metodo GIUSTO per farsi notare da una realtà discografica. Sarà anche perché di realtà discografiche, oggi, ne esistono tante. Ci sono quelle storiche, le major, che stanno in cima all’Olimpo a dettare le regole del gioco e ci sono le indipendenti (di varie dimensioni) che fanno il grosso del lavoro sporco per un millesimo degli ascolti.

Per quanto riguarda gli artisti, abbiamo già parlato delle loro responsabilità nell’articolo Ecco perché non basta fare buona musica con l’intento di ragguagliarli su ciò che è necessario fare per ritagliarsi uno spazio nel mondo musicale odierno, sempre più guidato dal web marketing.

A tal proposito verrebbe da formulare una domanda/risposta al quesito iniziale in questi termini: se, voi artisti, foste i titolari di una casa discografica, cosa vorreste trovare in un emergente?

Prima di tutto il prodotto: contattare un’etichetta è un passo importante per la propria carriera quindi è meglio non giocarsela con i primi inediti ma guadagnare consapevolezza di se stessi e della propria musica prima di sottoporsi all’attenzione di qualcuno di importante. La prima impressione, è decisiva.

Diretta conseguenza di ciò, l’immagine: nessuno ormai può negare l’importanza della presentazione. Ricercare il proprio look e fare delle scelte per caratterizzare la propria presenza scenica è fondamentale. Paradossalmente la maggior parte degli artisti emergenti non prende decisioni a riguardo. Se credete ancora che i grandi del passato non curassero l’immagine, credete male.

Diretta conseguenza 2, la comunicazione: i profili social sono il biglietto da visita per eccellenza, soprattutto nel mondo dell’intrattenimento. Non basta utilizzarli come vetrina per pubblicizzare l’uscita dell’album; i fans acquistano le persone prima dei dischi.

Diretta conseguenza 3, la dinamicità: farsi notare da una bella realtà discografica è più semplice se, prima, si è già stati notati da tante altre persone. Nonostante i compensi per la musica live siano davvero ridicoli (ben accetti gli sfoghi degli artisti nei commenti), vale la pena conoscere a fondo le dinamiche della propria nicchia di mercato e  poi programmare un calendario di date e una serie di eventi ai quali esclamare “noi ci siamo”! All’inizio sarà difficile ma individuato il proprio pubblico il grosso è fatto.

Insomma, tralasciando le competenze in economia e marketing che dovrebbe avere un professionista del settore, ci sono degli elementi che, di sicuro, renderebbero un progetto molto appetibile al mondo (dell’economia) musicale.

Tornando quindi nelle vesti del discografico la scelta pare ora più semplice: investo su un artista emergente X che mi offre un EP interessante o su un artista emergente Y che mi offre un EP interessante e una fan base da 200k potenziali clienti già innamorati?

 

 

Sei sicuro di fare musica originale?

Da sempre l’uomo cerca di distinguersi.

Che si parli di musica o di qualsiasi altro settore, ogni individuo lavora in funzione del fare la differenza. E meno male. Alcune delle persone che hanno cambiato il mondo ci sono riuscite soltanto inseguendo il proprio sogno di un futuro migliore. Certo, qualcuno è anche meno ambizioso ma, nel suo piccolo, sa di essere speciale.

Nel settore discografico sono numerose le icone che hanno fatto la storia, per un motivo o per l’altro: quando parli di Rock non puoi non citare Elvis Presley, quando parli di Reggae non puoi non citare Bob Marley e quando parli di Hip Hop non puoi non citare DJ Kool Herc.

Elvis Presley

Va sottolineato, però, che spesso il “fare la differenza” non sfocia propriamente in comportamenti originali e, infatti, uno dei problemi del mondo musicale risiede proprio qui: la maggior parte delle persone che si dedica alla musica non fa altro che prendere in mano uno strumento (già visto in mano a qualcun altro) e suonare qualcosa (che è, in qualche modo, già stato suonato da qualcun altro). Insomma, in che percentuale gli aspiranti artisti con l’atteggiamento da incompresi (e a volte nemmeno troppo aspiranti) emulano cose già fatte in passato? Si potrebbe dire che l’85% della musica che abbiamo sentito in tutta la nostra vita sia nata dall’idea di quei pochi precursori che, per il loro tempo, furono rivoluzionari?

La storia sforna un artista come Jimi Hendrix e quanti milioni di band nascono sulle sue orme? Eminem: quanti milioni di rapper sono cresciuti a sua immagine e somiglianza? Bob Marley, quanti milioni?

Non serve sottolineare che l’emulazione è parte fondamentale dell’essere umano, abbiamo perfino dei neuroni dedicati alla simulazione di ciò che vediamo, chiamati appunto neuroni specchio. Senza di quelli non sbadiglieremmo guardando qualcuno sbadigliare, non proveremmo gran parte dell’empatia e non saremmo tanto influenzati dal comportamento altrui.

Ok, è biologia, non c’è nulla di male.

Il discorso stride un po’ quando questo concetto influenza qualcosa, come la musica, che dovrebbe essere (almeno per antonomasia) l’espressione massima dell’artista e, in quanto tale, autentica, unica e inimitabile.

Non è che, forse, dovremmo iniziare a distinguere la musica in quanto espressione artistica dalla musica in quanto prodotto discografico? Insomma: se la discografia pubblicasse solo “cose” da ascoltare, ci sarebbero ugualmente cosi tanti fans appassionati di musica ed altrettanti aspiranti artisti?

La risposta la lasciamo a voi perchè, onestamente, noi non la sappiamo. Forse il cervello umano troverebbe altre fonti di ispirazione e la musica, in quanto tale, fungerebbe da piacevole sottofondo per lo joga. Oppure potrebbe essere sfruttata per aumentare la produttività nel settore siderurgico. Difficile a dirsi.

Sappiamo per certo, però, che negli anni 50 andava di moda il Rock’n’roll ed i giovani ribelli iniziarono ad emulare Presley e Berry. Poi è stato il momento della British Invasion ed i ribelli emulavano i Beatles e gli Stones. Poi è stato il momento dell’Hip Hop ed i ribelli emulavano i Run-DMC. Oggi il mainstream è Trap e di conseguenza i ribelli possono emulare i propri idoli con estrema facilità: non serve saper suonare uno strumento,  né saper fare basi musicali, né saper cantare. Anzi, se lo dichiari apertamente vieni ancora più apprezzato, perché tu puoi e gli altri no.

Esatto, quel “io posso e gli altri no” che tanto sta a cuore a noi umani. Che tanto viene ricercato dagli adolescenti (apertamente) e dagli adulti (meno apertamente). Ma a volte viene da chiedersi: la vita è tutta una gara a chi la fa più lontano? Fare qualche altra gara invece di quelle che non fanno progredire l’umanità? Insomma, riportando il focus sulla musica, la domanda sorge spontanea: quale sarà il prossimo passo? Emulare quel tipo che canta e balla, in silenzio?

Ah già, a questo punto ci siamo già arrivati. Aspettiamo che venga assegnato il Disco d’Oro per i musical.ly allora.